C'è un'ape che si posa su un bottone di rosa: lo succhia e se ne va. Tutto sommato, la felicità è una piccola cosa. (Trilussa)

Miele

DSC_0046Avete mai notato quanto possono essere differenti tra di loro i mieli millefiori? L’alternanza delle fioriture, i diversi tipi di pascolo, il variare del clima e il periodo di raccolta rendono ciascun miele unico e irripetibile.

Le api sono croniste fedeli degli eventi della natura. Mentre si accavallano le fioriture, nel loro miele si sovrappongono e si intensificano profumi e sapori.

Alla casa nettarina le api cominciano a raccogliere nettare da trasformare in miele già in febbraio-marzo, sui fiori di mandorlo, nocciolo e viburno. Ad aprile, insieme a peschi, albicocchi, ciliegi e pruni, esplode la fioritura delle robinie (acacie), che regala al miele colore chiaro e un profumo fresco e floreale.

Tdsc_0017tra maggio e giugno i fiori di campo e di rovo, la lavanda e l’erba medica rendono il miele dolce, aromatico e profumato.

A luglio verga d’oro, timo, ligustrello e crocifere donano al miele un profumo intenso, mentre l’abbondante melata lo rende denso e più scuro. Il suo aroma intenso e caldo conserva il ricordo del sole e dei colori dell’estate.